Nextville - logo

News e articoli

29 Ottobre 2018

Biometano da FORSU, Hera inaugura il suo primo impianto

(Filippo Franchetto)

Lo scorso 25 ottobre, in provincia di Bologna, il Gruppo Hera ha ufficialmente inaugurato un impianto di produzione di biometano da rifiuti organici, il primo del genere realizzato in Italia da una multiutility.

Nell'impianto di Sant’Agata bolognese, che sorge su un precedente sito di compostaggio, sarà possibile trattare fino a 100.000 tonnellate annue di rifiuti organici, più altre 35.000 tonnellate provenienti da sfalci e potature. Materiali che, grazie al lavoro di 4 giganteschi digestori orizzontali, alla fine del processo verranno trasformati in 7,5 milioni di metri cubi all'anno di biometano e in 20.000 tonnellate annue di compost di alta qualità per l'agricoltura. Tutti i macchinari e le lavorazioni avvengono al chiuso, per ridurre al minimo rumori e cattivi odori.

Il nuovo impianto, costato 37 milioni di euro, darà lavoro a oltre 40 persone e consentirà di evitare annualmente l'impiego di 6.000 tonnellate equivalenti di petrolio (TEP), corrispondenti a 14.600 tonnellate di CO2. Il biometano verrà impiegato come carburante per i veicoli (aziendali e privati) a metano e per il trasporto pubblico, grazie a partnership con aziende di trasporto pubblico locale.

"Il biometano – ha commentato Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente Esecutivo del Gruppo Hera – ci vede impegnati da tempo e questa giornata, in particolare, corona il lavoro di anni, mettendo al servizio della nostra comunità un impianto nato da ricerche, studi e gare europee che ci hanno portato a selezionare il meglio di ciò che oggi è sul mercato. Del resto – ha proseguito Tommasi – le energie rinnovabili devono necessariamente agganciarsi a processi di industrializzazione capaci di svilupparne le potenzialità su larga scala, e in questo senso l’impianto di Sant’Agata si candida a costituire un esempio replicabile anche altrove, soprattutto alla luce di un quadro normativo finalmente favorevole, che rappresenta un valore aggiunto fondamentale per lo sviluppo del settore."

Condividi:
© Copyright riservato - riproduzione vietata Edizioni Ambiente Srl, Milano
La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18 agosto 2000 n. 248
Annunci Google